Primario Valutazione Foto su whatapp in casa mia privata

Inoltrare foto o messaggi WhatsApp è reato?

Foto su 17710

Quando scatta il reato di violazione della privacy e quali sono i rischi di inviare le conversazioni private su WhatsApp? Facciamo chiarezza. Inviare screenshot su WhatsApp è legale? Partiamo dal principio: fare lo screenshot di una foto o di una conversazione e inviarlo tramite WhatsApp o altra applicazione di messaggistica non è sempre illegale ma dipende dal contenuto della conversazione in oggetto. Questo non significa che chiunque sia legittimato ad inviare e condividere gli screenshot con chi meglio crede.

Inviare foto porno su WhatsApp o Facebook è reato? È vero: esiste il reato molestia che scatta tutte le volte in cui si disturba una persona in un luogo pubblico oppure con il telefono. Tuttavia, secondo i giudici, le messaggerie come quella di Facebook Messenger o WhatsApp non sono equiparabili al telefono in senso tradizionale: non sono cioè una forma di comunicazione diretta, né possono considerarsi comunicazioni «in luogo pubblico» attesa la discrezione delle stesse. Il fatto che il destinatario del selfie possa sottrarsi alla visione delle immagini, magari bloccando il mittente o cancellando il contenuto della chat prima ancora di aprirla, rende tale comportamento non passibile di denuncia. Quindi, chi invia proprie foto hard a una persona non rischia assenza. Chiedere foto hard via WhatsApp è reato? Conservare foto hard nel cellulare è reato? Se chiedere foto di nudi non è reato, non lo è neanche ottenerle con il accordo del soggetto ritratto.

In questi casi è molto facile eccedere nel penale. Nulla di più bugiardo. La legge sulla privacy [1], a riguardo, punisce con la reclusione aguzzo a due anni chi esegue un illecito trattamento di dati personali accesso internet. È proprio il caso di chi pubblica la fotografia del aspetto di un altro soggetto senza il suo consenso.

Addensato leggiamo articoli sulla pericolosità di questa ormai consuetudinaria e voyeristica pratica. Certo, bisogna distinguere se le foto sono private o vengono pubblicate da testate giornalistiche o online. Bambini e fotografia online: cosa dice la legge? I diritti dei minori sono, inoltre, garantiti dalla legislazione ordinaria civile e criminale. Specifiche norme sono previste dalla diritto sul diritto di autore l. Ciascuno bambino, quindi, ha diritto ad individuo tutelato dalla legge contro tali interferenze o pratiche lesive. E last, but not least, il Garante per la Privacy ed il relativo codice ci viene in soccorso per la aiuto della riservatezza dei minori. Garante della Privacy e tutela minori Il Avallante ha assunto una posizione netta.