Primario Valutazione Il profumo della peccatrice niente barriere

“Perché ha molto amato”

Il profumo 21137

Contenuto : Free Nei primi capitoli del suo Vangelo, Luca ci racconta spesso di Gesù che insegna: nelle sinagoghe della Galilea, a Nàzaret, a Cafàrnao, dalla barca di Simone ormeggiata lungo il lago, in un luogo pianeggiante Non va in cerca di fans, ma di discepoli; per lui è importante non solo fare esperienza, ma anche capire. Per questo coglie ogni occasione per spiegarsi, per chiarire, per annunciare; come quel giorno che a casa di un fariseo si presenta una donna in atteggiamenti abbastanza imbarazzanti. Storicamente, erano persone che cercavano di osservare i comandamenti e tutte le altre tradizioni nel modo migliore possibile. Purtroppo a volte capita che chi si impegna tanto per rimanere fedele alle norme finisca col diventare critico verso chi invece non le osserva più di tanto.

Presi ancora una volta per mano da don Luca Ramello in tanti, davvero tanti, assetati di respirare quel preziosissimo profumo abbiamo scelto e deciso di vivere qualche ora alla presenza dolcissima di Gesù. Una peccatrice, una figlia salvata!! Parola preziosissima, Fedeltà, infedeltà … Ed io, di fronte a questa fedeltà?! La donna ha scelto la fedeltà, spreco di fiducia? Tanta accuratezza al profumo, ma perché? Il aroma di questa donna è fedele, aroma prezioso, perché non darlo ai poveri? Quante occasioni perdiamo noi, diciamo domani, domani, domani! Maria non rimanda, agisce!

Vedendo questo, il fariseo che l'aveva chiamato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la femmina che lo tocca: è una peccatrice! Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di' pure, maestro». Chi di esse dunque lo amerà di più? Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più».

Chi di loro dunque lo amerà di più? Gli disse Gesù: «Hai assolto bene». Invece colui al quale si perdona poco, ama poco». Episodio particolarissimo, proprio di Luca, ci offre una narrazione semplice quanto a messaggio, notevole più complessa se vogliamo capire le ragioni delle iniziative e i pensieri dei suoi personaggi. Piuttosto il cippo fa riferimento sia a una accordo di peccati non rimessi tramite il sacerdote attraverso i sacrifici della diritto cerimoniale, sia a una reputazione non onorevole presso i suoi concittadini. Avrebbe potuto essere, ad esempio, la compagna di un pubblicano, ritenuto servo del potere romano e pertanto disprezzabile. Adesso questa donna, della stessa città in cui Gesù aveva preso dimora insieme sua madre e i fratelli, per il comportamento avuto con Lui, sappiamo che senza dubbio era stata una Sua attenta ascoltatrice e sicuramente teste a più di un miracolo perché nulla gli chiede e nulla gli dice, ma parla col linguaggio della riconoscenza senza chiedergli nulla.